Back to Top
 
 
 

Per il progetto “Tutta mia la Città” si è scelto di elaborare una “metodologia partecipativa”, che coniugasse le tecniche tradizionali delle attività in piccoli gruppi in forma di focus o metaplan, alle “nuove tendenze” di consultazione su più ampia scala attraverso l’utilizzo dei moderni strumenti di comunicazione (web, social network e viral marketing) al fine di garantire un certo grado di elasticità, un equo bilanciamento tra le due tecniche e il maggior coinvolgimento possibile. Il percorso partecipato vedrà il coinvolgimento di quattro principali cluster , la componente politica (Assessori, Consiglieri, Commissioni Comunali), la componente tecnica (Dirigenti del Comune, tecnici comunali, progettisti del PUG, Ordini Professionali, liberi professionisti, ecc.), la componente economica (organizzazioni di categoria (EX PES CNEL), imprenditori ed imprese del settore, ecc.) e la componente sociale ed ambientale (terzo settore, associazioni e cittadini)

Il Processo partecipato sarà allineato, per quanto possibile, al cronoprogramma previsto per le fasi di formazione del PUG.

Obiettivi Generali

Gli obiettivi che si intende raggiungere sono:

– stimolare gli stakeholder individuati a condividere iniziative di sviluppo e diventare parte attiva nei processi di progettazione dello sviluppo territoriale del Comune di Barletta;

– innescare un processo di dialogo collaborativo e costruttivo con i vari responsabili della Pianificazione comunale che a vario titolo sono impegnati nell’attuazione del PUG;

– rafforzare il grado di interazione tra operatori, cittadini ed istituzioni al fine di programmare interventi e servizi pubblici più idonei e strettamente legati alle reali esigenze dei diversi target della popolazione coinvolta.

Obiettivi specifici del PUG di Barletta

Il processo di partecipazione avrà lo scopo, quindi, anche di condividere con gli attori
del territorio gli obiettivi del PUG, al fine di stimolare i partecipanti ai tavoli di lavoro, fornendo loro adeguati strumenti di analisi e valutazione in materia di progettazione partecipata, a contribuire in modo attivo, attraverso le proprie competenze personali, alla stesura definitiva del PUG.

Per tal motivo saranno esplicitati durante le fasi successive gli obiettivi contenuti nella delibera di Giunta Comunale n. 140 del 03 luglio 2015.

Al fine di rendere il processo do formazione del PUG chiaro e condiviso i processi amministravi seguiranno la sequenza tipica del Project Cycle Management (PCM), ovvero, obiettivi, strategie, progetto e Piano, secondo un ordine discendente